Studio Architetturale Didoné Comacchio {6} [hexagon] {6} [hexagon] La proposta evoca l'archetipo del portale, un elemento architettonico che denota chiaramente e delimita il passaggio tra diverse situazioni.L'utilizzo architettonico originario della coppia di obelischi, semanticamente, sottolinea il superamento della soglia, diventando portale accesso verso uno spazio che, istintivamente, acquista sacralità. Ogni stelo rappresenta un raggio di luce, l'elemento di collegamento tra cielo e terra.L'archetipo del portale, creato da due elementi verticali adiacenti, definisce chiaramente il momento dell'attraversamento, ma, allo stesso tempo, crea un limbo, una vuoto che avvolge il passaggio effimero e ruggisce verso la "sacra terra dei sogni".Lastre di cemento esagonali sono posate all'interno di ciascuna rotonda, posizionate in modo da formare una struttura a nido d'ape apparentemente concentrica, generando una base per ogni portale da cui emergere. I moduli esagonali salgono o affondano verso l'elemento centrale dando ad ogni manufatto una diversa personalità, accentuando e collegandosi al concetto base del design Lamborghini, ovvero la creazione di elementi di collegamento tra terra e cielo. Progetto #: 42
Via dei Prati, 14 36027 - Rosà, Vicenza Italy
Studio Architettura Didoné Comacchio

{6} [hexagon]


Tipologia
Monumento

Luogo
Sant'Agata Bolognese BO

Anno
2016

Risultato
Menzione d'onore

La proposta evoca l'archetipo del portale, un elemento architettonico che denota chiaramente e delimita il passaggio tra diverse situazioni.

L'utilizzo architettonico originario della coppia di obelischi, semanticamente, sottolinea il superamento della soglia, diventando portale accesso verso uno spazio che, istintivamente, acquista sacralità. Ogni stelo rappresenta un raggio di luce, l'elemento di collegamento tra cielo e terra.

L'archetipo del portale, creato da due elementi verticali adiacenti, definisce chiaramente il momento dell'attraversamento, ma, allo stesso tempo, crea un limbo, una vuoto che avvolge il passaggio effimero e ruggisce verso la "sacra terra dei sogni".

Lastre di cemento esagonali sono posate all'interno di ciascuna rotonda, posizionate in modo da formare una struttura a nido d'ape apparentemente concentrica, generando una base per ogni portale da cui emergere. I moduli esagonali salgono o affondano verso l'elemento centrale dando ad ogni manufatto una diversa personalità, accentuando e collegandosi al concetto base del design Lamborghini, ovvero la creazione di elementi di collegamento tra terra e cielo.



image1
image2
image3
image4
image5